Tempi di Attesa

Per visualizzare i tempi di attesa clicca QUI

--------------------------------------------------------------


La gestione delle liste e dei tempi d’attesa rappresenta una delle principali criticità dei sistemi sanitari che assicurano ai cittadini la copertura universale delle prestazioni sanitarie.
Sul territorio della ATS la situazione è disomogenea e caratterizzata da aree di eccellenza.
In questa sezione sono disponibili, per il cittadino, le informazioni riferite ai tempi di attesa delle più frequenti prestazioni diagnostiche e visite specialistiche che, per la loro possibile criticità di accesso, sono anche oggetto di specifico monitoraggio di Regione Lombardia.

Per tempo di attesa si intende il periodo che intercorre tra la data di prenotazione e la data di effettuazione delle prestazioni.

L’accesso alle prestazioni avviene, secondo la normativa, con tempistiche definite dal prescrittore all’interno di classi di priorità.

Cosa sono le classi di priorità?

Per ciascuna richiesta di prestazione ambulatoriale o di ricovero il Medico, in base alla valutazione clinica, deve attribuire la priorità adeguata e riportare in ricetta il relativo contrassegno; sulla prescrizione medica è necessaria inoltre la distinzione tra le prestazioni individuate come "prima visita o primo accesso/accertamento diagnostico" e quelle che si riferiscono ai "controlli o continuità diagnostico-terapeutica” (visite specialistiche, prestazioni o accertamenti diagnostici successivi alla prima visita, cioè i cosiddetti "controlli" o "follow-up"). L’indicazione del campo “classe di priorità” da parte del Medico, obbligatoria, riguarda tutte le prescrizioni per prestazioni sanitarie ambulatoriali e di ricovero; la ricetta priva di contrassegni è considerata come prescrizione di una prestazione programmabile (P).

Le classi di priorità applicabili alle prestazioni di specialista ambulatoriale sono le seguenti:
Il medico compila in ogni sua parte l'impegnativa, indicando nell'apposito riquadro la priorità assegnata alla prestazione:

U = urgenza differibile - entro 72 ore:
prestazioni la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo molto breve la prognosi a breve del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità. Devono essere prenotate entro le 48 ore dalla data di prescrizione.

B = Breve - entro 10 giorni:

prestazioni la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo breve la prognosi a breve distanza del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità.

D = Differibile - entro 30 giorni per le visite ed entro 60 giorni per le prestazioni strumentali:
prestazioni la cui tempestiva esecuzione non condiziona in un arco di tempo molto breve la prognosi a breve del paziente

P = Programmata - da erogarsi in un arco temporale maggiore (entro 180 giorni fino al 31.12.2019 e successivamente entro 120 giorni):
prestazioni che possono essere programmate in un maggiore arco di tempo in quanto non influenza la prognosi, il dolore, la disfunzione, la disabilità o in quanto rappresenta un accesso di follow up.

L’informazione pubblicata si riferisce al tempo medio di attesa per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali con priorità D = differibile

Sono escluse dai tempi di garanzia gli screening programmati, gli esami di monitoraggio o le prestazioni comprese in percorsi diagnostici complessi, le prestazioni pre e post ricovero.


Copyright©ASL Pavia 2015

Viale Indipendenza, 3 - 27100 Pavia C.F./P.I. 02613260187 Tel. 0382.4311 - Fax 0382.431299

Privacy || Note legali || Posta Elettronica Certificata || Cookies |